italia bene comune bersani 460x205

Insieme a Pierluigi Bersani per il futuro del Partito Democratico


italia bene comuneDopo un periodo di riflessione ed orientamento tra le varie mozioni ho (finalmente) preso una decisione.
Non è stata una scelta facile, perché le buone proposte, le idee e le persone valide in campo sono molte e tutte e tre offrono un modello di partito ed un programma decisamente validi.

La mia preferenza è andata, comunque, alla mozione ed alla persona che meglio di ogni altra potrà ridare slancio e forza al Partito Democratico, portandolo fuori dalle poco profonde acque in cui naviga a vista ed in cui quest’ultimo si sta quasi incagliando.

Serve, comunque, un Partito Democratico che sia diverso da quello attuale, un Partito che, tracciando una rotta, prenda una direzione chiara, organizzata e ben definita. L’alternativa a tutto questo sarebbe un lento quanto inesorabile indebolimento del partito stesso; cosa che, porterebbe alla fine quasi annunciata di un progetto molto valido, concreto e che ha visto tanta gente credervi, impegnarvisi e riporvi le proprie migliori energie.
Tuttavia anche la fiamma più viva, se lasciata sola a se stessa e non adeguatamente alimentata, si spegne.

Proprio questo, quindi, è quello che mi aspetto dal Partito Democratico nei prossimi mesi e nei prossimi anni:

1) ritrovare l’unità interna, figlia di un partito forte, strutturato, coeso e ben organizzato, che sappia ritrovare la chiarezza della sua azione, ricostruendo prima di tutto il rapporto con le persone che l’hanno sostenuto, votato e che in questo progetto credono o hanno creduto;
2) avere un progetto ed una linea politica lungimiranti e di lungo termine che guardino al futuro programmandolo e non limitandosi a vivere alla giornata; saperli esportare in modo limpido, adamantino e concreto con una voce unica senza confondere chi ci ascolta con mille voci diverse;
3) dare quindi risposte chiare alle varie questioni di cui si compongono la nostra società ed i suoi vari settori tornando a fare politica a tutti i livelli e soprattutto tra le persone e le realtà del nostro Paese dai ceti popolari alle realtà produttive, agli ambienti innovativi ad esempio davanti alle scuole, alle fabbriche, nelle piazze, nei luoghi in cui c’è la gente.
Finora, ci siamo barcamenati continuando ad essere, nel migliore dei casi, una nave in balia della tempesta.Questo ci ha portati a perdere pezzi credibilità e consenso per cui, infatti, il PD ha via via perso terreno fino alla soglia del 26% vedendo allontanarsi diverse persone che nel Partito Democratico avevano investito la propria passione e le proprie convinzioni. Non possiamo e non dobbiamo più permetterci di deludere le aspettative di tutti coloro che credono nel Partito Democratico e nei sui valori.

Ora, siamo a un punto di non ritorno; retrocedere ulteriormente non è più possibile nè tanto meno auspicabile: sarebbe, infatti, l’inizio di una fine certa ed inevitabile.
Dobbiamo essere dunque in grado di riconquistare credibilità e consenso: è necessario, di conseguenza, riprendere l’iniziativa (politica e non) tornare a bussare alla porta delle persone, tornare a farci vedere e a portare avanti le nostre idee e convinzioni con forza ed in modo unitario.
Per fare ciò, serve un partito unico, unito e ben radicato la cui voce arrivi con efficacia sui territori tornando a fare opera porta a porta e non solo diffondendo la nostra voce attraverso i grandi mezzi di comunicazione. Tornando, invece, ad utilizzare lo strumento del dialogo e vivendo in mezzo alle persone coinvolgendo queste ultime e facendole sentire coinvolte.
Per fare tutto questo è necessario dotarsi di un’identità politica precisa ed evidentemente riconoscibile da tutti. Un’identità che guardi al mondo del lavoro, all’ambiente, all’Europa, ai diritti civili di cittadinanza, alla laicità. Un’identità che, anche nell’ottica della coesione del nostro paese sia in grado di esprimere le grandi e piccole riforme necessarie all’Italia. È una questione di merito, prima ancora che di meritocrazia.

Concludendo, quindi, sono sempre più convinto che la persona migliore per realizzare tutto questo, sia Pierluigi Bersani, persona capace e di valore che mi sento di appoggiare e sostenere completamente senza riserve.Dico questo perché ritengo che, al momento, questo progetto sia quello che attualmente serve più di ogni altro al Partito Democratico, alla sua funzione ed ai suoi valori anche nell’ottica di un Partito plurale ed aperto in cui si dialoga insieme verso un unico obiettivo: il Partito Democratico stesso.
Ritengo, infine, che questo sia il progetto che più di ogni altro possa consentire di recuperare le persone perdute e di allargare la base con una forte organizzazione e con un’idea chiara del modello di partito che sarà e del Paese che verrà.Un Partito che, anche dopo le elezioni primarie, sia unito, coeso e compatto: un partito al cui interno vi siano dialogo e collaborazione.Un Partito in cui, chiunque vinca, sia il Segretario di tutti e non solo di questa o quella parte; un Segretario che sappia confrontarsi anche con idee e culture diverse, cercando di capirle fino in fondo senza preclusioni di sorta.Questo è il modello di partito in cui, dopo il 25 ottobre, mi piacerebbe ritrovarmi; perché questo è il progetto in cui, secondo me, vale la pena credere e per cui vale la pena lavorare ed impegnarsi con le proprie energie ed idee.

A prescindere dal risultato delle primarie, dunque, in bocca al lupo a tutti 🙂

Condividi/Share this:

Comments

comments